Free shipping from 99€

Secure online payment

Customer Care

Albarossa Piemonte DOC 2019

€17.90
In stock and ready for delivery
Year: 2019
Pairing: Second dishes featuring red meat
Alcohol: 15.5%Vol.

Product sheet

Product sheet
Wine type Red Wine
Region Piemonte
Bottle size (l) 0.75
Variety Incrocio di Nebbiolo e Barbera
Produttore Bricco dei Guazzi
Service temperature 16-18° C.
Storage 8-10 anni
Resa uveCirca 70 q/ha.
OrigineMonferrato alessandrino – Olivola, terrazzamenti da 150 a 250 metri s.l.m.
Metodo di allevamentoGuyot semplice.
Densità di impianto5.000 viti/ha.
Acidità5,8 g/l.
TerreniVigneto Mandola e Presidenta: cru censiti da Luigi Veronelli, esposti a sud. Il terreno marnoso, calcareo e tufaceo consente un grande sviluppo in profondità delle radici, garantendo la maturazione dell’uva anche in assenza d’irrigazione. La pendenza accentuata dei terreni e i venti che soffiano dal fondo valle verso l’alto della collina impediscono qualsiasi ristagno idrico. Qui il vitigno Albarossa esprime al massimo la sua potenza di colore, la corposità e il tenore alcolico. Vigneto Campone: esposizione nord-ovest, dove le marne bianche si alternano a zone più ricche di ferro e argilla. Gli Albarossa di questo terreno spiccano per eleganza e finezza.
Vinificazione e affinamentoLa vendemmia in surmaturazione delle uve addolcisce i tannini caratteristici del Nebbiolo e l'acidità della Barbera. Il mosto ottenuto dalla pigia – diraspatura é lasciato a macerare a contatto con le bucce per una settimana in grandi vasche d’acciaio, a temperature comprese tra i 25° e i 28° C. Frequenti rimontaggi permettono un’ottima estrazione del colore e buona corposità. Dopo la fermentazione malolattica il vino viene posto in barrique per 12 mesi, cui seguono altri 12 mesi in botti da 20 ettolitri e un anno di affinamento in bottiglia.
Other curiosities

Albarossa racconta Bricco dei Guazzi: il cuore in Monferrato, lo sguardo al Piemonte. Un vitigno creato nel 1938 dal professor Dalmasso, che nelle terre di Monferrato e sul bric di Olivola ha trovato casa. Le sue radici affondano in un terroir che il Veronelli definì Cru, le sue uve danno vita ad un vino fortemente identitario, un equilibrio virtuoso di due vitigni: la Barbera e il Nebbiolo, interpretate dall’eleganza di Bricco dei Guazzi.

Il colore è rosso rubino intenso, profondo, quasi impenetrabile. Al naso è subito caldo e avvolgente, con intesi sentori di mirtillo, piccoli frutti a bacca rossa e note di torrefazione e cuoio. Al palato è rotondo e pieno; la grande concentrazione di frutto, sorretta da un profilo tannico, lo rende un vino importante ma di grande piacevolezza. La composizione di fondo garantisce a questo vino longevità e prontezza di beva. Sposa superbamente i piatti più tipici della cultura monferrina, specie se a base di carne. Temperatura di servizio consigliata: 18-20 °C.